Diana Winter: esordio che promette germogli (…) è un disco sincero, che colpisce per la maturità delle canzoni sia in sede di scrittura che di interpretazione (la ragazza ha 22 primavere alle spalle). C’è una sicurezza, in lei, che sconcerta, come se non avesse fatto altro che incidere dischi.
— Libero
Quando intrecciamo le nostre voci, mi sembra di sentire la mia raddoppiata
— Giorgia
Regina della musica colta italiana
— Il Corriere della Sera
Libera di non scegliere, di vagare senza direzioni
redefinite: questa è la filosofia, oggi, della Winter, e in quelle canzoni la dichiara con fierezza, applicandone le “non regole” in tutto l’album.
— La Repubblica
La Winter si accosta all’album d’esordio con la maturità artistica della grande cantautrice. La sua voce è distesa e piena, gli ospiti sono di prim’ordine (…) Un progetto organico, pensato, ispirato, realizzato con sensibilità e competenza.
— Tribe
Un trionfo!
— Il Mattino
Mischia soul e pop con classe e musicisti di livello internazionale.
— Maxim
Suona soul e jazz, ma con la straordinaria freschezza dei suoi 22 anni
— L'Unità
Illuminano “One” degli U2 dove miss Todrani duetta ad altissime quote con l’altra vocalist Diana Winter
— Il Tempo